Starbucks arriva in Italia nel 2018: le prime caffetterie a Roma e Milano




Non si tratta di una bufala: Starbucks arriva in Italia. Aprirà a Roma e Milano. Ma Starbucks non è la prima caffetteria americana aperta in Italia.

La catena americana di caffetterie arriva in Italia e mira a coprire tutto il territorio italiano con l’ambizioso progetto di numerosi punti vendita. 

L’annuncio è dell’imprenditore bergamasco Antonio Percassi: “A giugno 2018 apriremo 4-5 punti vendita tra Roma e Milano“. Poi se il Paese risponderà bene si apriranno altri punti vendita in tutta Italia.

A Milano è già stato individuato il locale che ospiterà Starbucks. La cui apertura è prevista per giugno 2018. Il primo Starbucks di Milano aprirà nel palazzo delle Poste in piazza Cordusio.

Un inizio in due grandi città poi la diffusione nel resto dell’Italia. Ma come risponderà l’Italia a Starbucks? Non sarebbe la prima catena americana che l’Italia accoglie a braccia aperte. Ricordiamo Mc Donald’s un leader nel nostro Paese nonostante sia la culla della buona cucina. Ma in Italia ci sono già alcune caffetterie americane come Arnold Coffee e Vintage Bakery a Milano.

Mentre a Roma troviamo Bakery House che più che una caffetteria offre anche pasti veloci in stile americano, o Busters Coffee. Quindi questi punti di ristoro nascono proprio per soddisfare la richiesta, soprattutto, turistica di questi prodotti. Molti bar del centro a Roma espongono il cartello  “qui caffè americano”. Ricordiamoci che una delle risorse del nostro Paese è proprio il turismo. Quindi Starbucks potrebbe non solo rispondere alla domanda turistica ma conquistare anche gli italiani. Infatti molti italiani conoscono bene questa caffetteria e vi si recano anche grazie all’ampia campagna pubblicitaria che riceve nei film americani.

Quindi Starbucks potrebbe inizialmente essere una moda per poi diventare un punto di riferimento. Infatti in America è il leader della caffetterie. Anche in Italia avrà questo futuro?

Questo articolo è stato scritto da Elisa BI. , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook