Terrorismo: confessione dell’uomo contromano verso il Santuario di Pompei




Allerta Terrorismo Pompei: auto rubata e confessione dell’uomo che si è lanciato contromano verso il Santuario di Pompei.

Arresti in Italia per l’allerta terrorismo nel Lazio e in Piemonte ma anche la notizia dell’ennesimo lupo solitario che tenta di seguire gli ordini dei militanti Isis. Dopo la Francia anche l’Italia vittima questa mattina di un radicalizzato. 

Per fortuna in entrambi i casi nessun ferito ma l’allerta terrorismo si fa sempre più alta anche nel nostro Paese.

L’uomo arrestato è un algerino di 22 anni, in Italia dopo essere stato espulso dalla Francia. Ma era già stato espulso dal Questore di Cagliari senza però aver lasciato il territorio del nostro Paese.

E’ nuovamente stato arrestato a Pompei per essersi lanciato con un’auto rubata contro le fioriere che proteggono la Basilica.
E’ stato processato con rito direttissimo e condannato a due anni e mezzo.

L’uomo avrebbe dichiarato: di non essere in condizione di sapere perché avesse compiuto quel gesto se non per sentirsi più vicino ad Allah, il che gli sarebbe stato reso più facile dall’assunzione di un farmaco.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook