Le cascate di sangue nell’Antartide svelato il mistero del fenomeno idrico




Svelata l’origine delle cascate di sangue nell’Antartide dopo 106 di studi.

Blood Falls – Furono documentate per la prima volta dal geologo Griffith Taylor che nel 1911 parlò di questo suggestivo fenomeno. 

Nel 2003 la comunità scientifica era convinta che si trattasse dell’effetto di alcune alghe rosse. Oggi sappiamo con certezza che è legato ad un lago salato sotto il ghiacciaio. La cascata è situata all’estremità nord dal ghiacciaio Taylor, che si estende per 100 chilometri. Pare che il lago sotterraneo accumuli quantità importanti di ferro che a contatto con l’aria si ossidano assumendo il rosso sangue.

Come spiega a Journal of Glaciology, il ghiacciaio di Taylor ospita un sistema idrologico energicamente attivo che alimenta Le cascate di sangue. Nonostante le temperature medie dell’aria annuali di -17 ° C l’acqua non si congela per l’alta presenza di sale. Mantenendo un circolo continuo che alimenta le Blood Falles.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook