Biodegradabilità l’importanza: un oceano di plastica e gli animali contaminati




La plastica sta invadendo il nostro pianeta e gli animali marini vi vivono in mezzo: gli scatti choc

Ha fatto discutere lo scatto del cavalluccio marino con il bastoncino per pulire le orecchie ( scatto di Justin Hofman premiata al Wildlife Photographer of the Year 2017).

Ma anche il ritrovamento del crostaceo in Canada con impresso sulla chela il marcio della Pepsi. Ma le immagini più crude che dovrebbero destar preoccupazione sono quelle di un’intera isola di rifiuti di plastica che galleggiano nell’oceano. 

Un rapporto di Ocean Conservancy, il 60% delle plastiche che galleggiano nei mari del mondo è prodotto da cinque Paesi: Cina, Indonesia, Filippine, Thailandia e Vietnam. Il Mediteranno appare più pulito rispetto all’oceano grazie al riciclo di questi ultimi anni anche se il turismo è il principale problema dell’inquinamento delle spiagge. Ma la strada per ripulire il pianeta è ancora lunga.

L’importanza nel rispetto del nostro pianeta nasce proprio dai prodotti biodegradabili che non inquinano e solo per lo più di origine organica.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook