Il castello di Sammezzano dopo l’asta è di proprietà degli Arabi, si potrà visitare?




Il castello di Sammezzano diventa una proprietà araba: quale sarà il suo futuro? Hotel 7 stelle o dimora “museo” visitabile?

Il castello di Sammezzano si trova nei pressi di Leccio, nel comune di Reggello in provincia di Firenze. E’ un antica proprietà in pieno stile orientale. Un’architettura al quanto insolita per l’Italia. Però dopo essere stato di proprietà di nobili italiani (compresi i Medici di Firenze) per secoli, è stato venduto, attraverso un’asta, alla Helitrope Limited. Una società araba con sede a Dubai. 

DA WIKIPEDIA LA STORIA ED I PROPRIETARI DEL CASTELLO DI SAMMEZZANO.

L’edificio principale è una costruzione eclettica in stile moresco. Effetto della ristrutturazione ottocentesca di una grande fattoria edificata nel 1605 per volere della famiglia Ximenes D’Aragona. La storia del luogo è però più antica e viene fatta risalire all’epoca romana.

Sala dei Gigli nel Castello Semezzano. Foto scattata da Sailko

La tenuta di cui fa parte il castello appartenne nei secoli a diverse importanti famiglie: gli Altoviti, poi, per volere del Duca Cosimo, a Giovanni Jacopo de’ Medici, che infine la vendette a Sebastiano Ximenes. Tali beni restarono alla famiglia Ximenes d’Aragona fino all’ultimo erede, Ferdinando, che morì nel 1816. Successivamente passò in eredità a Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona che lo riprogettò tra il 1853 e il 1889. Nel dopoguerra è stato adibito a hotel di lusso.

Rotonda Bianca. Foto di

Rotonda bianca – Interno Castello di Semmezzano – Foto di Sailko

Dopo essere stato acquistato nel 1999, da una società italo-inglese che ha fatto alcuni lavori di manutenzione che l’hanno conservato fino ad oggi, è tornato all’asta nel 2015. La società pare sia fallita. Nel 2016 il castello è risultato primo classificato nel censimento promosso dal FAI I Luoghi del Cuore con oltre 50 mila voti.

Sala degli Amori. Foto di Sailko

Ma il castello era una spada di Damocle per il sindaco di Reggello, Cristiano Benucci. La struttura è stupenda ma i lavori di manutenzione avrebbero comportato costi eccessivi per essere gestiti dal comune. E prima della manutenzione, in quanto edificio di privati, il comune avrebbe dovuto anche rilevare la struttura. Ma allo stesso tempo lasciare che il degrado si portasse via la struttura sarebbe stato deplorevole.

Semmezzano – Sala pax-libertas. Foto di  Sailko

Il 6 maggio 2017 viene acquistato per 15,4 milioni di euro alla Helitrope Limited, una società araba con sede a Dubai. Pare che sia l’unica società che abbia fatto un’offerta all’asta di qualche giorno fa. Presentando un’offerta di 15,4 milioni di euro rispetto al prezzo base di 15 milioni.

 

Sala dei Pavoni Castello Semezzano – Foto di Sailko

Si potrà tornare a visitare il castello di Semezzano dopo l’ennesimo restauro per mano della Helitrope Limited?

Per molti anni il Comitato FPXA Semmezzano si è occupato di visite guidate all’interno del Castello ma gli arabi cosa ne faranno?

Il futuro del castello, almeno per la sua conservazione, è salvo. Però la società araba deciderà di continuare, come nel dopoguerra, ad usare la struttura come hotel di lusso? Oppure diventerà la dimora di qualcuno. Continuerà ad essere aperto al pubblico tramite visite guidate?

Questo non è stato precisato dalla Helitrope Limited ma il sindaco di Reggello si è detto fiducioso dopo la vendita alla società di Dubai.

Foto: facebook save semezzano

IPOTESI – La struttura potrebbe diventare il terzo hotel 7 stelle in Italia dopo quello di Venezia (Aman Canal Grande) e di Milano (Town House Galleria. Date le risorse degli arabi io non lo escluderei. Speriamo però che non lo chiudano al pubblico magari potrebbero optare per un biglietto di ingresso.

Questo articolo è stato scritto da Elisa BI. , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook