Ilham Mounssif racconta la Cina dopo l’epidemia Covid-19




Ma chi Ilham Mounssif? Suoi social tra i primi a interessarsi alla giovanissima ambasciatrice della cultura in Cina è stato Gabriele Parpiglia ma lei ha collaborato e collabora con moltissimi media italiani tra interviste e collegamenti.

Ha 26 anni, è brillante, molto simpatica ed il suo profilo Instagram è molto seguito conta più di 22,6mila follower. Ilham Mounssif è cresciuta a Bari Sardo, ma è originaria del Marocco, dopo l’esperienza formativa e di studio presso l’Istituto del Ministero degli Affari Esteri Russo per gli Studi Internazionali a Mosca (MGIMO), è stata scelta come stagista alle Nazioni Unite. Un percorso che l’ha potata a viaggiare e stabilirsi all’estero, 

Oggi vive in Cina ed è ambasciatrice culturale e docente (lingua inglese e civilizzazione europea). Ci ha mostrato nelle sue stories Wuhan post pandemia e come vivono oggi i cinesi. Lei che è arrivata in Cina a dicembre 2019 ha vissuto in pieno l’epidemia compreso il rigido lockdown. Oggi che è rimasta per lavoro può godersi la Cina libera dal virus. 

La paura della seconda onda c’è anche in Cina ma al momento la popolazione non ha l’obbligo della mascherina (tranne sui mezzi pubblici) e come mostra Ilham tutto è tornato alla normalità con una grande ripresa economica. La differenza, oltre alle misure imposte dalla Cina, l’ha fatta la disciplina di questo popolo che ha seguito le regole con attenzione. Mentre molti italiani appena vengono imposte delle regole cercano subito il modo di aggirarle a caccia “della scappatoia” ignorando che non è una bravata ma una “procurata pandemia”.

Molti difiniscono i cinesi un popolo di sottomessi, altri ne esaltano le lodi perchè culturalmente disciplinati.

Definiteli come volete ma oggi loro vivono senza il virus noi non sappiamo come arriveremo a Natale!

 

Questo articolo è stato scritto da Elisa BI. , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook