Aereo precipitato in Nepal: il terribile racconto dei soccorritori al The New York Times




Aereo Us-Bangla Airlines precipitato alle 14.15: il terribile scenario raccontato dai soccorritori arrivati sul luogo dello schianto.

Ore 14:15 mentre in Italia erano le 9.15 del mattino: un aereo con 71 persone a bordo si schianta in un campo dell’aeroporto di Katmandu. Incomprensioni: quattro persone coinvolte, continui cambi di programma. E l’allarme dalla Torre di Controllo: State atterrando sulla pista errata.

L’aereo passeggeri proveniente dal Bangladesh ha impattato contro un campo vuoto ed è esploso sprigionando altissime fiamme oltre la pista dell’aeroporto nella capitale del Nepal. I funzionari hanno detto che almeno 49 delle 71 persone a bordo sono morte.

Un’odore acre di plastica bruciata e dei corpi carbonizzati la prima descrizione del luogo. Il racconto di un soccorritore al NY Times.

I passeggeri bengalesi urlavano: ‘Bachaau, bachaau’, che significa ‘salvami, salvami'”, ha detto Balkrishna Upadhyay, un soccorritore dell’esercito. Altri gridavano in inglese:” Aiutami, per favore aiutami “. “E ‘stato orribile“, ha detto Upadhyay.

Il luogo dell’incidente secondo Bhadra Sharma, una giornalista nepalese: il racconto crudo al The New York Times. 

L’erba era appiattita e annerita, disseminata di fogli strappati, sedili triturati, pezzi di schiuma e una bottiglia d’acqua in metallo che giaceva da sola. Alcuni pezzi grossi dell’aereo, inclusa la coda, erano ancora intatti e fumanti, ma la maggior parte di essi era bruciata. Una lunga fila di buste gialle giaceva nell’erba bruciata. Gli agenti di polizia hanno fatto  del loro meglio per tenere i corpi coperti, ma un arto carbonizzato spuntava da una borsa aperta.

Questo articolo è stato scritto da Elisa BI. , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook