Antartide, si stacca iceberg più grande della Liguria: le conseguenze




Una frattura di quasi 200 km, è monitorata da anni da cui si è staccato un iceberg di circa 5.800 chilometri quadrati.

La conferma del distacco tra il 10 e il 12 luglio e sarebbe confermato dalle osservazioni del satellite Aqua della Nasa.

La piattaforma Larsen C da cui si è staccato l’iceberg è la quarta più grande tra i ghiacci dell’Antartide. Con questo distacco ha perso oltre il 12% della sua estensione. 

Pare che questo distacco non produrrà nell’immediato l’innalzamento del livello del mare ma è un chiaro segnalo del cambiamento climatico in corso. Si teme che il destino della Larsen C sia lo stesso della Larsen B che si è disintegrata nel 2002.

Per adesso non ci si aspetta che l’iceberg prenda il largo e che risulti quindi un immediato pericolo per la navigazione, ma potrebbe costituire un rischio concreto se iniziasse a muoversi verso nord.

La piattaforma di ghiaccio Larsen (67° 30′ S, 62° 30′ W) è una grande piattaforma glaciale situata nella zona nord occidentale del mare di Weddell che si estende lungo la costa orientale della penisola Antartica da capo Longing fino all’area meridionale dell’isola di Hearst, in Antartide. E composta a sua volta da 4 piattaforme: Larsen A (la più piccola), Larsen B, Larsen C (la più grande) e la Larsen D.

Sopra: Un’immagine ottenuta dal MODIS montato sul satellite Aqua della NASA che mostra la completa rottura della piattaforma avvenuta il 12 luglio 2017.

 

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook