Legionella 3 morti nel milanese: sintomi, contagio, diagnosi e cura




Legionella 3 morti negli ultimi giorni. E’ allarme nel milanese.

E’ salito a tre il bilancio delle persone uccise dal batterio che sta dilagando a Bresso, nel Milanese. Ed è allarme. Molti si chiedono come si diffonda e quali siano i sintomi. 

La legionella è un batterio non trasmissibile è presente nelle tubature dell’acqua e non si prende bevendo ma attraverso le vie respiratorie.

Il consiglio al momento per gli abiti della zona è di far  scorrere l’acqua quando si apre il rubinetto e di aprire la finestra per far uscire il vapore.

Le prime analisi hanno escluso una qualsiasi contaminazione dell’acquedotto, sotto osservazione sono stati messi i sistemi per l’irrigazione delle piante in luoghi pubblici e privati.

Trasmissione e Contagio.

L’uomo contrae l’infezione attraverso aerosol, cioè quando inala acqua in piccole goccioline (1-5 micron) contaminata da una sufficiente quantità di batteri; quando questa entra a contatto con i polmoni di soggetti a rischio, insorge l’infezione polmonare. Finora non è stata dimostrata la trasmissione interumana diretta.

Incubazione: la legionellosi ha un periodo di incubazione medio di 5-6 giorni.

Sintomi: malessere, cefalee e tosse, possono essere presenti sintomi gastrointestinali, neurologici e cardiaci e complicanze varie.

La legionella è un genere di batteri gram-negativi aerobi. L’evoluzione del batterio: la febbre di Pontiac e la legionellosi. La prima ha un periodo di incubazione di 24-48 ore e si risolve in 2-5 giorni. È accompagnata da malessere generale e cefalee seguiti da febbre. Ma legionellosi, invece, è molto grave e può portare a complicanze soprattutto nei fumatori, soggetti con problemi respiratori e soggetti immudepressi.

Cura e Terapia: Levofloxacina o moxifloxacina sono gli antibiotici d’elezione. In alternativa è indicato l’antibiotico azitromicina. Inizialmente è preferibile somministrare la terapia endovena.

 

 

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook