Ricette Dolci di Carnevale da Nord a Sud: Castagnole, Pignolata, Chiacchiere o Frappe e Zeppole




Quali sono le ricette più diffuse di Carnevale? L’Italia da Nord a Sud propone ricette gustose per il martedì grasso ed il giovedì grasso.

Al nord si chiamano Chiacchiere a Roma Frappe ma sono uno dei dolci  più cucinati e mangiati nel periodo di Carnevale. 

In Sicilia per Carnevale si cucina la Mpagnuccata o Pignoccata. E’ un dolce a forma di pigna. A Messina e nella zona dello stretto si diffuse come Pignolata di Messina che però veniva infornata anziché fritta. La pignoccata viene prodotta partendo da un impasto di uova, zucchero e farina, aromatizzate con un pizzico di sale e cannella che viene tagliato in piccoli pezzetti che vengono fritti e poi mescolati al miele caldo. Vengono aggiunte le scorze di limone e infine modellati a forma di piccole pigne.[3] Tradizionalmente questi dolcetti vengono serviti in porzioni adagiate su foglie di limone.

I cartocci siciliani sono dei dolci tipici della pasticceria siciliana, si tratta di cannoli di pasta brioche fritti e passati nello zucchero che vengono farciti con crema di ricotta.

In SardegnaCattas, o Zippulas, ciambelline fritte con la forma di spirale fatte di pasta aromatizzata con arancia e zafferano.

In CalabriaSanguinaccio, un dolce preparato con il sangue di maiale ed il cioccolato fondente amaro

A Bolzano su ispirazione tedesca-austrica si prepara il “Krapfen del Carnevale”  che il nostro bombolone ripieno di crema o cioccolata.

Nelle Marche ci sono gli arancini di Carnevale. Un impasto di Farina, uova, zucchero e burro e arancia grattugiata. Solitamente vengono fritti ma c’è una versione light cotta al forno.

In Puglia: Bocconotti, dolcetti di pasta frolla ripieni di crema pasticcera e amarene . Ma i bocconetti fanno parte anche della tradizione abruzzese, molisana, salentina, lucana, pugliese e calabrese. Ma ogni regione propone il suo ripieno.

Toscana c’è la famosa Schiacciata alla Fiorentina. Una torta margherita che spesso viene decorata con il tipico giglio di Firenze.

In Emilia Romagna: ci sono le Castagnole, simili a quelle laziali, e le Tagliatelle dolci.

In Lombradia invece ci sono i Tortelli dolci.

 

 

Questo articolo è stato scritto da Maria Grazia Azzuffi , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook