Terremoto a Muccia (Marche) lesionato il campanile: sfollati e gravi danni




Muccia (Macerata) torna la paura colla campanile e case inagibile sfollate: non si escludono nuove foti scosse.

Una notte di paura per gli abitanti di Muccia dove sono state riaperte le strutture provvisorie per dare un riparo agli sfollati.

La paura è tanta perchè la scossa più forte è avvenuta di notte ed intere famiglie si sono riversate in strada.  Ma le repliche non accennano a finire.

Scuole chiuse e 20 sfollati a Pieve Torina. Lesionato il campanile della Chiesa del ‘600 Santa Maria di Varano. Avvertita nelle province di Macerata, Ancona, Pesaro, in Umbria, in parte della Toscana, nel Lazio, nell’Aquilano e a Roma.

I terremoti nella regione sono dovuti all’estensione dell’Appennino nordovest sudest. La catena appenninica in altre parole si sta allargando e tutto questo è dovuto a una serie fattori tra i quali la subduzione della placca adriatica sotto l’Appennino. In sostanza la placca dell’Adriatico si insinua sotto la crosta che in Appennino a una profondità intorno ai 10 12 km. I terremoti sono gli effetti locali di questo movimento che interessa da sempre la catena appenninica. Le sequenze più recenti sono quella di Assisi del 1997 in poi fino a arrivare a sud alla sequenza del 2009 all’Aquila e, infine, a quella di Amatrice-Visso-Norcia e fino alla scossa di oggi presso Muccia“. Ha spiegato Salvatore Stramondo, direttore del centro nazionale Invg.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUI TERREMOTI SONO ANCHE SU FACEBOOK!



Commenta su Facebook