Etna una spaventosa esplosione: feriti escursionisti e vulcanologo dell INGV




Esplosioni dal nuovo cratere di sud-est: escursionisti feriti. Il racconto della giornalista della BBC su Twitter e del vulcanologo INGV rimasto ferito

Turisti feriti nell’esplosione del vulcano Etna. Sarebbero stati colpiti da dei lapilli. Nessuno sarebbe in gravi condizioni.
I feriti sono ricoverati per contusioni e traumi, soprattutto, cranici. 

Continua l’eruzione del vulcano Etna. Sembra che il materiale incandescente abbia reagito a contatto con la neve.

Tra i feriti anche un vulcanologo dell’Ingv . “Sull’Etna attualmente ci sono diversi nostri colleghi impegnati in osservazioni e visure. Queste purtroppo sono cose che possono anche succedere. Il fronte della colata lavica si deve osservare da vicino soprattutto quando scende più in basso, per tenere informata la protezione civile, che se lo ritiene opportuno, può fermare il flusso turistico. Adesso al colata ha raggiunto quota 2.700 e poco più sotto, a quota 2.500, c’è la funivia” spiega Marco Neri dell INGV.

Anche Rebecca Morelle, corrispondente della Bbc, era sull’Etna ed ha raccontato: “I vulcanologi dicono che è stato l’incidente più pericoloso in 30 anni di carriera. E’ stato davvero spaventoso, un’esperienza che non vorrò ripetere mai e poi mai“.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook