L’isola di Hunga Tonga-Hunga Ha’apai formata nel 2014 rivela i misteri dei vulcani di Marte




Hunga Tonga-Hunga Ha’apai è il nome dell’Isola formatasi, ad inizio del 2014 consolidatasi nel 2015, a seguito di un’importante eruzione vulcanica.

L’Isola è stata tenuto sotto controllo nella sua evoluzione dai satelliti che hanno visto l’eruzione imponete di un vulcano marino i cui detriti hanno formato una vera e propria isola che si è consolidata ed ampliata.Al contrario di quello che si pensava, all’inizio della sua formazione, l’isola non si dissolverà rapidamente ma potrebbe durare oltre 30 anni. Molto spesso queste isole vulcaniche sono solite sparire anche nel giro di pochissimi mesi perchè i detriti tendono a non consolidarsi.

Hunga Tonga-Hunga Ha’apai sorge a 30 chilometri di distanza dall’isola Falcon, a nord dell’Isola di Tonga, nell’oceano Pacifico. Inizialmente dopo la fine dell’eruzione era apparsa una piccola zolla di circa appena 120 metri tra due grandi isole. Poi il mare ha iniziato a ritirarsi e l’Isola è venuta allo scoperto. In 33 mesi è cambiata nella sua forma e la Nasa ha pubblicato un incredibile time-lapse che rivela come si sia formata Hunga Tonga-Hunga Ha’apai. 

Inoltre secondo gli studiosi, che hanno potuto vedere in tempo reale la nascita di quest’isola grazie ai satelliti, potrebbe rivelare molti indizi sui vulcani presenti sul pianeta Marte.

I satelliti che orbitano attorno al pianeta rosso hanno visto migliaia di vulcani (morti da molto tempo) che assomigliano ad Hunga Tonga-Hunga Ha’apai. Grazie all’evoluzione dell’isola, gli scienziati potranno capire meglio come questi vulcani sono stati erosi nelle acque marziane più di un miliardo di anni fa.

Questo articolo è stato scritto da Elisa BI. , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook