Cozze contaminate da E. coli: sintomi, conseguenze e cura nell’uomo




In corso il ritiro di alcune partite di cozze contaminate dal batterio dell’Escherichia Coli.

Ma il batterio dell’Escherichia Coli che conseguenze ha sull’uomo? Tra i sintomi più comuni ci sono diarrea con vomito e crampi addominali. Ma il batterio può portare anche conseguenze più gravi come infezioni alle vie urinarie, febbre ed evolvere addirittura in meningite, peritonite, setticemia e polmonite. 

Patendo dal presupposto che è presente naturalmente nel nostro intestino per aiutare la digestione del cibo. La sua presenza nei corpi idrici segnala la presenza di condizioni di fecalizzazione. Il numero di cellule di E. coli nelle feci che un umano espelle in un giorno va da 10 a 100 milioni di unità formanti colonia.

Se ne distinguono almeno 171 sierotipi che si distinguono anche il grado di invasività con conseguenti patologie. Il principale veicolo di contagio sono proprio le feci. Per questo è buona abitudine lavarsi le mani dopo essere andati in bagno. Non c’è una cura precisa ma dati i sintomi è essenziale bere molto e seguire una dieta leggera per non sovraccaricare l’intestino infiammato dal batterio. In alcuni casi viene applicata anche una terapia antibiotica. Ma normalmente nei casi più comuni nel giro di qualche giorno il corpo umano espelle il batterio e va incontro ad una guarigione spontanea.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook