Peste Bubbonica nuovo caso negli Usa paura epidemia: oggi, sintomi, contagio, causa e cura




peste bubbonica immagini peste bubbonica oggi peste bubbonica cura peste bubbonica 1600 lebbra peste bubbonica contagio peste bubbonica terapia peste bubbonica sintomi


E’ l’undicesimo caso di peste bubbonica negli Usa da gennaio: un anziano è morto di peste bubbonica nello Utah. Si teme un’epidemia. 

Quattro persone morte di peste bubbonica e 7 contagiati tra il Colorado, Arizona, New Mexico, California, Georgia e Oregon. Charla Haley, del dipartimento statale per la salute, ha informato che è stata aperta un’inchiesta sulle origini del contagio. I casi quest’anno sono aumentati e questo inizia a destare preoccupazione. La peste è una delle epidemie più temute nonostante le cure di cui disponiamo oggi. Un tempo veniva chiamata anche peste nera per l’evoluzione della malattia non curata prontamente e chi si diffondeva rapidamente tra morte e corpi deturpati da pustole.

CAUSA DELLA PESTE COME AGISCE SULL’UOMO – Questa malattia infettiva rara è causata da pulci infettate del coccobacillo Yersinia pestis che vive nel loro apparato digerente. Sull’uomo agisce infettando i tessuti linfoidi, facendo in modo di annullare la capacità di difesa dei linfociti. Il tempo di incubazione va da 2 a 12 giorni.

I SINTOMI DELLA PESTE: febbre alta, cefalea, grave debolezza, disturbi del sonno, nausea, fotosensibilità, dolore alle estremità, vomito e delirio. Si formano pustole nelle zone punte dalla pulce infetta; i linfonodi delle zone colpite (generalmente la zona inguinale e quella ascellare) si infiammano, gonfiandosi fino a formare uno o più bubboni.

COME SI DIFFONDE LA PESTE – Ma quali sono i veicoli che aiutano a diffondere la malattia? I cani della prateria, i furetti, gli scoiattoli, i conigli e altri roditori sono portatori di peste. La trasmissione nell’uomo può avvenire attraverso la puntura delle pulci dei ratti o tramite il morso dei ratti stessi o di altri roditori. La pulce dell’uomo ed i pidocchi, in forma minore, permettono di trasmettere la peste bubbonica anche da uomo ad uomo.

Per fortuna attualmente non si registrano casi e quindi risulta del tutto assente in Europa e in Australia, ma endemica in alcune zone dell’Asia, dell’Africa e in Nord America. Essenziale l’igiene della casa e dell’ambiente in cui vive dalle strade agli scarichi cittadini che se non trattati possono contribuire alla presenza del batterio.

LA CURA DELLA PESTE: per evitare il peggio va diagnosticata tempestivamente e curata con una terapia antibiotica mirata. Infatti la diagnosi precoce può salvare la vita del paziente infetto. I farmaci usati sono  streptomicina o gentamicina ma anche doxiciclina oppure il cloramfenicolo. Importante è l’isolamento dei malati per evitare ulteriori contagi.

Questo articolo è stato scritto da Elisa BI. , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook