Truffe al telefono: cosa non dire e come evitarle




truffe agli anziani


 LE TRUFFE TELEFONICHE COSA FARE? NON DATE I VOSTRI DATI .

Le truffe ai danni degli utenti, da parte di operatori di call center furbetti ed addestrati ad ingannare il cliente per ottenere un contratto, sono all’ordine del giorno. Purtroppo, le tutele sono poche, soprattutto, tra gli anziani spesso vittime di questo tipo di inganni. 

Innanzitutto non dare mai i proprio dati sensibili e, soprattutto, nessun codice cliente. Questi sono dati essenziali per stipulare un nuovo contratto contro il vostro volere.

Non vi fate ingannare da intimidazioni tipo: “se non rinnoviamo pagherete di più, verrà interrotta la linea telefonica“. Se è il vostro operatore telefonico con il quale avete il contratto non necessita di alcun dato. Infatti il vostro fornitore telefonico ha tutti i vostri dati compreso il codice cliente.

Quindi se vi chiedono i dati sensibili è un nuovo gestore che tenta di strapparvi un nuovo contratto. Attenti perché dal recesso anticipato spesso consegue una penale in denaro da pagare nel caso in cui recedete il contratto prima della scadenza per passare ad un nuovo gestore.

Attenti i call center si salvaguardano registrando la vostra telefonata.

Attenzione vi porteranno a ripetere frasi come “Si proceda, Ho capito, Nome e Cognome, sono d’accordo”.

Hanno già il vostro consenso, nome e cognome se state parlando con il vostro operatore.

Questo articolo è stato scritto da Maurizio Coletta , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook