Attentato Costa D’Avorio in un resort: turisti uccisi al grido di “Allah Akbar”




L’Isis a Baghdad la bandiera nera sventola su Palmira


C’era un livello di allerta alto per i precedenti attentati in Mali ma questo attacco terroristico in Costa D’Avorio era mirato proprio ai turisti occidentali che sono soliti soggiornare nel resort. 

L’assalto a tre hotel su una spiaggia di Grand Bassam, in Costa d’Avorio: degli uomini al grido di “Allah Akbar” uccidono 16 persone .

I testimoni sconvolti riferiscono: “erano giovani, sulla trentina. Esigevano che le loro vittime urlassero Allah Akbar prima di sparargli”.  I terroristi sono arrivati via mare e secondo le testimonianze non hanno mai smesso di urlare e sparare.

All’inizio hanno sparato su dei ragazzi che stavano sulla spiaggia, davanti all’hotel Etoile du Sud, poi sono andati a la Paillote. Sono passati davanti al nostro albergo ma non si sono fermati. Gli spari sono durati un paio d’ore, forse un’ora e mezza. Siamo restati nascosti nell’ albergo, chiusi nelle stanze per tre ore, prima che arrivasse la polizia che ha poi creato un corridoio per evacuare i clienti. Ho visto sette cadaveri, e quattro terroristi” riporta il Messaggero.

Questo articolo è stato scritto da Rebecca Olden , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook