Attentato kamikaze in Turchia contro alcuni volontari: selfie ricordo




Maderşahî Barajyıkan, poi sopravvissuta all'attentato in turchia


Circa 30 giovani volontari sono rimasti uccisi in Turchia per un attentato kamikaze a Suruc: si parla di ben 100 feriti. I volontari erano pronti a recarsi a Kobane, dove avrebbero voluto costruire una biblioteca, ripiantare un bosco, mettere in piedi un campo giochi.

Maderşahî Barajyıkan, una giovane rimasta indenne all’attentato, ha diffuso uno dei selfie con i cuoi compagni per ricordarli in uno scatto fatto prima del tragico attentato.  L’esplosione, che è avvenuta in un centro culturale della città turca di Suruc, sarebbe stata provocata da una donna kamikaze di soli 18 anni vicina all’Isis. La città si trova nei pressi dei confini con la Siria.

Questo articolo è stato scritto da La Redazione , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook