Malala Yousafzai Prima Prova Maturità 2015: chi è? Tra Wikipedia e Facebook dal blog BBC al Nobel




Malala Yousafzai premio nobel per la pace traccia prima prova  tema maturita 2015 chi e wikipedia blog facebook


In molti, dopo la aver appreso che una delle tracce della prima prova dell’Esame di Maturità 2015 richiede come argomento il premio nobel per la pace 2014Malala Yousafzai, hanno iniziato a cercare sue info sul web tra Wikipedia ma anche Facebook dove molti condividono articoli su questa ragazza. 

Ma chi è Malala Yousafzai? Un’attivista pakistana ed è stata la più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace infatti lo ha ricevuto nel 2014 quando aveva solo 17 anni. Il suo impegno per la lotta al diritto di istruzione delle donne della città di Mingora, nella valle dello Swat, bandito da un editto dei talebani, le è valso il premio Nobel. Da sempre lotta per i diritti civili delle donne, infatti, quando aveva solo undici anni è diventata celebre per il blog, da lei curato per la BBC.

Il 9 ottobre 2012 è stata vittima di un attentato talebano: degli uomini incappucciati le hanno sparato intrufolandosi sul bus che la stava riportando a casa da scuola. Dopo un delicato intervento chirurgico si è ripresa.  È stata nominata per l’International Children’s Peace Prize, premio assegnato da KidsRights Foundation e nel 2013  è stata insignita del Premio Sakharov per la libertà di pensiero. Il 10 ottobre 2014 le è stato dato il premio Nobel per la pace assieme all’attivista indiano Kailash Satyarthi. Ha scritto anche il libro Io sono Malala, pubblicato l’8 ottobre 2013.

DISCORSO MALALA ALL’ONU – Malala al Palazzo di Vetro di New York aveva tenuto una conferenza nella quale con parole decise comunicò la sua lotta contro i talebani per i diritti civili e all’istruzione delle donne: “Oggi non è il mio giorno, è il giorno di tutti coloro che combattono per i propri diritti. I talebani non mi ridurranno mai al silenzio e non uccideranno i miei sogni. Sono qui e oggi parlo per tutti coloro che non possono far sentire la propria voce pensavano che quel proiettile ci avrebbe fatto tacere per sempre, ma hanno fallito“.

Questo articolo è stato scritto da Denny Cannacioli , autore NotizieWebLive


Commenta su Facebook